I simboli di lavaggio

Per conoscere le etichette per il lavaggio capi a Trento

In Italia, le leggi sull’etichettatura dei tessili sono complesse e poco chiare.
Se da una parte vi è l’obbligo per i produttori di fornire informazioni sulla composizione dei loro prodotti, e quindi di applicare al capo stesso un’etichetta riportante le percentuali delle varie fibre che lo compongono (etichetta di composizione), dall’altra non è chiaro se vi sia l’obbligo (a differenza di altri Paesi Europei e non) di fornire informazioni sulla manutenzione di tali prodotti (etichetta di manutenzione). 
Fortunatamente, la legge è chiara su un punto: quando l’etichetta è presente, dev’essere veritiera. 
Va da se che la presenza di entrambe le etichette di lavaggio  capi semplificherebbe il nostro lavoro, e tutelerebbe maggiormente voi clienti evitando inutili contenziosi in caso di danni in seguito al lavaggio capi.

Etichette e simboli di lavaggio

E’ utile sapere che se “Le imprese di tinto-lavanderia non rispondono dei danni conseguenti alle indicazioni inesatte, ingannevoli o non veritiere relative alle denominazioni, alla composizione e ai criteri di manutenzione riportate nella etichettatura dei prodotti tessili” (legge 84 del 22 febbraio 2006),“ il venditore è responsabile del difetto del prodotto (compresi i danni arrecati al capo da etichette di manutenzione ingannevoli o non veritiere) “(articoli 130 e 132 del Codice del consumo (D. Lvo n. 206/2005)). 
Quindi, quando acquistate un capo d’abbigliamento, la prima cosa da fare è controllare che sia munito di etichetta di lavaggio con indicata la relativa composizione e manutenzione.
Solo così il capo vi potrà essere rimborsato dal negoziante o dalla lavanderia in caso di danneggiamento.
Chiamate allo 0461 239266per maggiori informazioni sui nostri servizi
Share by: